Il 19 settembre si è tenuto il primo incontro di GOL – GLI ORNITORINCHI LEGGONO, il gruppo di lettura di Orny. I compiti per casa erano di consigliare due libri, che poi sarebbero stati votati dal gruppo stesso. Il primo doveva essere un libro qualsiasi (quello che leggeremo da qui fino al 17 ottobre, per parlarne insieme al prossimo incontro), mentre il secondo doveva essere un classico (quello che leggeremo dal 17 ottobre, per poi parlarne insieme il 21 novembre).

Visto che il voto è stato difficile e la lista molto interessante, abbiamo pensato di condividerla con tutti, se mai qualcuno volesse approfittarne e trarne spunto per le sue letture successive.

Proposte per un libro qualsiasi:

La nave morta (B. Traven)
Bestiario sentimentale (G. Nettel)
Guida il tuo carro sulle ossa dei morti (O. Tokarczuk)
Animale (L. Taddeo)
Il taglio del bosco (C. Cassola)
Qui (R. McGuire)
L’eterna gioventù (M. Maggiani)
Il libro del buio (T. B. Jelloun)
Il vangelo secondo Gesù Cristo (J. Saramago)
Cosa faresti se (G. Romagnoli)
La matematica è politica (C. Valerio)
Uomini senza donne (H. Murakami)
Tremila anni tra i microbi (M. Twain)
Uova (T. Hitonari)
L’estate che sciolse ogni cosa (T. McDaniel)
Domani nella battaglia pensa a me (J. Marìas)
Lessico famigliare (N. Ginzburg)
Lungo petalo di mare (I. Allende)
La tentazione (L. Lang)
Avere tutto (M. Missiroli)
Magnificat (S. Aggio)
Bianco è il colore del danno (F. Mannocchi)

Proposte per un classico:

La parete (M. Haushofer)
I fratelli Karamazov (F. Dostoevskij)
Maurice (E. Forster)
Rebecca, la prima moglie (D. du Maurier)
Madame Bovary (G. Flaubert)
Le intermittenze della morte (J. Saramago)
La via per l’Oxiana (R. Byron)
Gita al faro (V, Woolf)
Moby Dick (H. Melville)
Cecità (J. Saramago)
Alice nel Paese delle meraviglie (L. Carroll)
La montagna incantata (T. Mann)
Le città invisibili (I. Calvino)
Frankenstein (M. Shelley)
Orgoglio e pregiudizio (J. Austen)
Storia di un corpo (D. Pennac)
Un amore (D. Buzzati)
Sostiene Pereira (A. Tabucchi)
Il deserto dei tartari (D. Buzzati)
Il maestro e Margherita (M. Bulgakov)

Se volessero nascere dei micro-gruppi di lettura paralleli, vi ricordo che parliamo insieme di libri qui: https://t.me/gli_ornitorinchi_leggono

Ieri si è tenuto il primo incontro di GOL – Gli ornitorinchi leggono, il gruppo di lettura ufficiale di Orny, ed è stato molto più bello di quello che potessimo aspettarci. Sarebbe stato bello anche se fossimo stati solo in tre, figuriamoci la sorpresa e la gioia quando ci siamo ritrovati in ventidue. Ventidue persone che hanno parlato insieme di libri, che hanno voglia di leggere qualcosa insieme, di provarci almeno, di confrontarsi, senza pressioni o aspettative da rispettare ma per il semplice piacere di farlo.

Dopo il vaglio attento di tutti i libri proposti, e una votazione che la prossima volta promettiamo di fare anonima per non influenzare nessuno, il verdetto è giunto: il libro che leggeremo e su cui ci confronteremo il 17 ottobre è Bestiario sentimentale di Guadalupe Nettel (ed. La Nuova Frontiera, 2018; 128 pp.)

“Nei cinque racconti di Bestiario sentimentale la vita degli animali, governata dagli istinti e dalle leggi implacabili della natura, si fa specchio delle relazioni tra esseri umani. Così, osservando la silenziosa esistenza dei pesci combattenti, una donna si trova a fare i conti con la crudeltà che nasce in un rapporto di coppia agli sgoccioli. Una casa invasa dagli scarafaggi diventa teatro di una guerra tra specie in cui si rispecchiano i conflitti familiari. Una gatta e la sua cucciolata offrono l’occasione per riflettere sulla maternità, quando è desiderata e quando non lo è. Un fungo e una vipera svelano rispettivamente il misterioso legame che unisce due amanti e il dolore di una passione impossibile. Attraverso le storie dei loro animali, Guadalupe Nettel, racconta in maniera magistrale la vita di uomini e donne fragili, consumati da amori non corrisposti, colti nei momenti più importanti e delicati della vita in cui decisioni irrevocabili possono cambiare il corso di un’esistenza: mancarsi per un soffio, ritrovarsi o perdersi per sempre.”

Il 17 ottobre ci troveremo per parlarne, per poi iniziare a leggere il libro successivo, questa volta un classico, che ha lottato fino all’ultimo con Madame Bovary per spuntarla alla fine con un voto in più. Sarà lei, la divina, Virginia Woolf, con Gita al faro.

Last but not least, abbiamo pescato dal cappello coloniale in bambù le categorie che decreteranno i libri per i mesi a venire. Potete lamentarvi, gioire o puntare i piedi ma c’è poco da fare, la dea bendata ha parlato:

dal 21 novembre al 19 dicembre – una nuova uscita (anno 2022)
dal 19 dicembre al 16 gennaio – letteratura nordamericana
dal 16 gennaio al 20 febbraio – libro di racconti
dal 20 febbraio 20 marzo – libro di fantascienza
dal 20 marzo al 17 aprile – letteratura dall’Est Europa
dal 17 aprile al 22 maggio – letteratura italiana
dal 22 maggio al 19 giugno – graphic novel

Nota importante: se volete partecipare anche solo a distanza, c’è un gruppo telegram in cui scambiarci aggiornamenti, altri consigli di lettura e condividere gioie e dolori, lo trovate qui https://t.me/gli_ornitorinchi_leggono

 

That’s all folks, ci riaggiorniamo presto, grazie di cuore a chi ha partecipato e a chi parteciperà, e buona lettura a tutti!

Le Finali Nazionali Italiane di Poetry Slam sono il grande evento che conclude ogni anno il campionato di sfide poetiche organizzato dalla L.I.P.S. – Lega Italiana Poetry Slam, che vede salire sul palco centinaia di poetə da tutta Italia, tra lə quali soltanto 21 campionə ragionali sono riuscitə ad accedere alle ambite Finali Nazionali.
Sarà proprio durante le Finali 2022, organizzate quest’anno a Firenze dai Ripescati dalla Piena, che questə 21 campionə si sfideranno per decretare, di fronte ad una giuria popolare di spettatorə, chi sarà lə campione nazionale di Poetry Slam del 2022.

Da sempre amante, sostenitore e quanto più possibile diffusore di poesia, L’ornitorinco è partner del festival e, oltre ad ospitare alcuni degli eventi off (vedi: colazioni poetiche del 23 settembre e del 24 settembre), sarà presente con tutto il suo entusiasmo e con un’accurata selezione di libri per dilettare gli animi di poeti, poetesse, amanti di suddetti poeti e poetesse, avventori, avventrici, curiosi, curiose, e chiunque sarà lì per non perdersi l’evento più atteso dell’anno.

Giovedì 22 settembre  @La Limonaia di Villa Strozzi

⏱ Ore 19:00
🎸 Debora Petrina (live)

⏱ Ore 21:00
🎤 GRAN GALÀ DEL POETRY SLAM
Esibizione dellə 21 finalistə con estrazione e ripartizione nelle tre diverse semifinali

⏱ Ore 23:00
🎚️ EuroTUNZ (live)


Venerdì 23 settembre @The Stellar

⏱ Ore 19:45
🎤 PRIMA SEMIFINALE NAZIONALE

⏱ Ore 20:30
🎸 Interiezioni – Pierpaolo Capovilla & Paki Zennaro (live)

⏱ Ore 23:00
🎤 SECONDA SEMIFINALE NAZIONALE

Per la serata è previsto il pagamento di un biglietto d’ingresso >> prenota qui


Sabato 24 settembre @The Stellar

⏱ Ore 17:30
🎤 TERZA SEMIFINALE NAZIONALE

⏱ Ore 19:30
🎸 Roberto Angelini & Rodrigo D’Erasmo (live)

⏱ Ore 21:00
🎤 FINALISSIMA NAZIONALE

Per la serata è previsto il pagamento di un biglietto d’ingresso >> prenota qui

Orny gift card

Breaking news bellissima: sono arrivate le gift card, ora L’ornitorinco lo potete anche regalare!
Anzi, potete regalare una delle sue storie, che è ancora meglio.
Anzi-anzi, potete condividere questo articolo nella speranza di farvi regalare una delle sue storie, che è ancora-ancora meglio.

Noi, che il regalo sia per voi o che siate voi a farlo, promettiamo di prenderci cura di tutte queste storie e di chi verrà a sceglierle.

Nota molto bene: sulle gift card non c’è data di scadenza e l’importo lo scegliete voi, senza nessun minimo di spesa.

Sentiero Film Factory è il primo festival fiorentino per il settore dell’audiovisivo a unire in un unico evento, della durata di tre giorni, un programma di incontri industry, diversi workshop, un pitch per sceneggiature e una residenza artistica. Dedicato principalmente al cortometraggio, con l’obiettivo di valorizzare i giovani talenti e le produzioni indipendenti, mira a integrare nel circuito fiorentino e toscano un servizio di promozione e valorizzazione del territorio tramite il talento degli autori e l’ospitalità di realtà cinematografiche internazionali.

Come ogni anno Sentiero Film Factory organizza incontri e panel per addetti ai lavori del settore audiovisivo, ma lo fa sempre aprendo al pubblico, e quest’anno sarà L’ornitorinco la location che ospiterà la sezione Sentiero Industry! Questo il programma di tutti gli eventi che si terranno qui da noi:

Giovedì 15 settembre 2022
h. 16:00 SENTIERO REMIX CULTURE
-Focus Residenza Artistica 2021 di Margarita Bareikyte
-Proiezione e premiazione della sezione #remixculturebalticsway una sezione speciale dedicata ad autori e registi provenienti dall’area Baltica.
Pension Day di Liis Lepik ’25
Kodekss di Ruslans Fadejevs ’12
The first Sunday after the first full moon di Greta Griniūtė ’15

Venerdì 16 settembre 2022
h. 10:00 SENTIERO MORNING
-Colazione e presentazione della nuova collaborazione tra Sentiero Film Lab e il Festival Entre Dos Mundos per il progetto Residenza Artistica e scambio culturale 2023 #sentierofilmlabextended

Sabato 17 Settembre 2022
h. 10:30 SENTIERO MORNING
-Colazione con Toscana Film Commission e Umbria Film Commission
Relatore: Francesco Lattarulo (produttore cinematografico)
Ospiti: Alberto Pasquale (Direttore Umbria Film Commission)
Ospiti: Stefania Ippoliti (Direttrice di Toscana Film Commission)
Ospiti: Camilla Toschi (Responsabile Cinema la Compagnia)
h. 12:30 SENTIERO CONNECTION
-Case Study del progetto residenza artistica Ustories (Umbria) con Marco del Buono.

Mentre qui trovate il programma completo con tutti-tutti gli eventi

Il progetto SENTIERO FILM FACTORY 2022 è stato cofinanziato dall’Unione Europea – Fondo Sociale Europeo, nell’ambito del Programma Operativo Città Metropolitane 2014-2020” ed è in programmazione dentro il calendario di Estate Fiorentina 2022

Cosa succede quando due librerie appena nate uniscono le menti, le forze e gli spazi?
Solo grandi cose, tipo portare a Firenze gli autori e le autrici del Salone Internazionale del libro di Torino!

Avete capito bene, se Firenze non va al Salone, il Salone va a Firenze: da mercoledì 18 a martedì 24 maggio Alice Storyteller e L’ornitorinco si popoleranno di eventi, intercettando chi sale e chi scende dal Salone del libro per portare un po’ dell’atmosfera torinese anche in terra fiorentina.
E tutto questo con il patrocinio del Salone stesso (li sentite i nostri cuori selvaggi che battono a più non posso, sì?).

Ecco il programma completo:

Mercoledì 18 maggio ore 18:30 | Alice
Presentazione di “Tempus Fugit” [Del Vecchio Editore] di Antanas Sileika, con lo scrittore Carlo Benedetti

Postazione per l’ascolto dell’audiolibro di Emons Edizioni e postazione per indossare i visori di Gold per fare un viaggio nella realtà virtuale con il reading di Elio Germano The Italian Baba

Giovedì 19 maggio ore 18:30 | Alice
Inaugurazione della mostra e presentazione di “Attilio” [logosedizioni] di Giulia Pintus – l’autrice dialoga con l’illustratrice Claudia Bessi

Venerdì 20 maggio ore 18:30 | L’ornitorinco
Presentazione “Storia stupefacente della filosofia” [Il Saggiatore] di Alessandro Paolucci, con lo scrittore Gabriele Merlini

A seguire alle ore 21:00 | L’ornitorinco
Fight Club Poetry Slam a cura de I ripescati dalla piena con i collettivi La compagnia delle Indie di Milano e VoceVersa di Cesena

Sabato 21 maggio ore 11:45 | Alice
Presentazione “L’ultimo libro di Emma Olsen” [Aguaplano editore] di Berta Dávila, con il traduttore Marco Paone

A seguire alle ore 19.00 | L’ornitorinco
Tutte le famiglie felici si somigliano (ovvero Incipit, taralli e vino) – Sfida a squadre con il gioco Incipit Offresi [Miraggi edizioni]

Domenica 22 maggio ore 11:30 | L’ornitorinco
Presentazione della nuova casa editrice Tetra Edizioni con il direttore editoriale e scrittore Roberto Venturini e Valerio Aiolli

Martedì 24 maggio ore 18:30 | Alice
Presentazione in anteprima di “Diario del Novecento” Di Piergiorgio Bellocchio [Il Saggiatore] – presentano Goffredo Fofi e Giancarlo Gaeta

 

📍 Alice si trova in via de’ Pucci, 4 | Primo Piano
📍 L’ornitorinco si trova in via dei Camaldoli, 10/r

Salto a Firenze è un’iniziativa organizzata dalle librerie Alice Storyteller e L’ornitorinco a Firenze in omaggio alla XXXIV edizione del Salone del Libro di Torino 2022.
La rassegna si svolge con il patrocinio del Salone del libro di Torino e con il sostegno dell’Associazione Allibratori, Amblé Firenze, Mama’s Bakery, Gold Production, Emons Edizioni e CMON Agenzia.

Questa volta è vero, comincia I Versi dell’Ornitorinco, una rassegna di cinque incontri dedicati all’ignoto e magico mondo della poesia performativa.

Cinque venerdì dal 15 aprile al 27 maggio a cura dei Ripescati dalla Piena in collaborazione con Witberry, in cui potrete ascoltare, votare, giudicare, commentare, acclamare, insultare, applaudire i poeti e le potesse che si esibiranno sul palco. Due mesi per scoprire le infinite possibilità che ruotano intorno alla declamazione poetica: poesia e musica, poesia e hula hoop, rime improvvisate, scontri all’ultimo sangue a colpi di versi, vi aspetta una sorpresa ad ogni nuovo incontro.

Ad aprire la rassegna venerdì 15 saranno nientepopodimeno che le menti che hanno pensato e partorito l’intera rassegna: Luca Bernardini, Gabriele Bonafoni, Marco Dell’Omo e Max Di Mario faranno sentire le loro voci con MANSARDA DI PAROLE, uno spettacolo di slam poetry.
Come funziona? I quattro poeti si alternano sul palco intrecciando in sequenza i loro testi come in un vero e proprio poetry slam, la celebre competizione in versi il cui vincitore o vincitrice vengono decretati tramite voto popolare. Tre round da una poesia a testa, tre minuti di tempo per declamarla, cinque giurati scelti a caso tra il pubblico con l’arduo compito di giudicare quanto appena visto e sentito.

Ci sarà da divertirsi e da commuoversi. Quale combo migliore?


I Ripescati dalla piena sono un collettivo poetico di artisti nato a Firenze nel 2021
La compagnia nasce con l’obiettivo di diffondere e promuovere la poesia in tutte le sue forme, dalla letteratura alla spoken word, dal poetry slam al teatro.
I membri del collettivo, tutti e quattro poeti performativi, seguono ognuno con i propri progetti un percorso personale e artistico che li ha condotti attraverso anni di esperienza e di tournée in tutta Italia come poetry slammer, praticando la messa in voce e corpo della poesia contemporanea. Questo background comune rende il progetto Ripescati dalla piena un punto di confluenza di differenti vissuti umani e di fusione dei loro diversi stili artistici, a favore di un’iniziativa che mira alla valorizzazione del verso e della voce sul palcoscenico.

Witberry è il progetto di coinvolgimento teatrale e poetico di Luca Bernardini, attore ed insegnante di teatro, poeta e psicoterapeuta. Luca Bernardini ha portato avanti negli anni un lavoro sia solista che improntato alla stretta collaborazione con altre realtà appartenenti al mondo della musica, della poesia e del teatro del panorama fiorentino, arrivando a selezionare una comunità ricca e varia di volti e possibilità di offerta sulla scena. Nel 2018 è stato il campione italiano della LIPS – Lega Italiana Poetry Slam e vicecampione del mondo di poetry slam.

Annunciazione di una discreta importanza: cominciano le Presentazioni sul Divano (alias Ludovico I). Il nostro sofà preferito si presta ad accogliere autrici e autori da ogni angolo della nazione (e non solo) perché possiate conoscerli, interagirci, farvi ispirare, scoprire cose, approfondirne altre, chiedere, rispondere, ascoltare in silenzio.

Primissima ospite, direttamente dalla lontana Antwerp, sarà l’illustratrice Lucia Biancalana, che siederà su Ludovico martedì 12 aprile per presentare la sua ultimissima creazione: Novantanove volte un volto, un racconto illustrato ispirato a Exercices de style di Raymond Queneau. Dopo essersi cimentata nella trasposizione grafica delle principali figure retoriche con Cicero (ed. Pièdimosca, 2019), Lucia ha alzato il tiro dedicandosi alla celeberrima opera di Queneau, autore francese famoso per la sua capacità di giocare con sintassi e grammatica.

Gli Esercizi di Queneau sono una raccolta di novantanove racconti: la storia è sempre la stessa, ma lo stile linguistico cambia continuamente.
Novantanove volte un volto, edito sempre Pièdimosca, è una proposta di traduzione illustrata degli Exercices de style – o meglio, della sua versione italiana tradotta da Umberto Eco e pubblicata per la prima volta da Einaudi nel 1983. In questa atipica interpretazione, ogni esercizio acquisisce una propria fisionomia in base alle regole linguistiche che lo caratterizzano: testa, occhi, naso, bocca e orecchie diventano le lettere di un nuovo alfabeto sperimentale, e dalla scomposizione e metamorfosi di questi elementi prendono vita novantanove volti illustrati, novantanove ritratti stilizzati e caricaturali.

“Che tu sia alle prove di teatro o di fronte allo specchio della tua stanza, novantanove volte un volto è uno strumento valido per praticare un po’ di empatia: bambini, ufficiali, alieni, filosofi, cantanti… La lista, si sa, potrebbe estendersi all’infinito, ben oltre le pagine di questo libro. E non si sa mai, a forza di immergersi nelle identità degli altri si può finire col ritrovare la propria.”
—–
Lucia Biancalana (Perugia, 1993) è illustratrice e graphic designer, attualmente di base ad Antwerp. In seguito alla triennale in Disegno Industriale presso La Sapienza di Roma si laurea in Illustrazione all’ISIA di Urbino. Tra i progetti personali, “I am, You are” è stato esposto all’interno del BilBolBulOFF18. Le sue illustrazioni si caratterizzano per le forme morbide, le scene surreali e i personaggi divertenti, il tutto condito con un pizzico di ironia.

       

Cemento è un podcast. Un podcast bellissimo che parla di Est Europa, vecchio e nuovo, di viaggi, curiosità sovietiche, tradizioni.

È dal 2019 che Eleonora Sacco e Angelo Zinna ci portano con grande passione e umiltà alla scoperta di tutta quella parte di mondo che un tempo era URSS, parlando di architettura, cucina, lingue, dittatori, transiberiane e transovietiche. Entrambi hanno girato in lungo e in largo la Russia, il Caucaso, l’Asia centrale e chissà quanti altri Paesi, decidendo per nostra fortuna di condividere ciò che hanno scoperto e vissuto in un podcast di tre stagioni da otto puntate l’una, durante le quali ci raccontano che (spoiler alert) Stalin non si chiamava Stalin, che le nostre chance di imparare il georgiano stanno più o meno una a un trilione, e che esiste uno sport che si chiama Kok Boru, che è tipo il basket, solo che si gioca a cavallo e bisogna fare canestro non con una palla ma con una capra decapitata.

Se non lo conoscete, potete recuperarlo subito qui.

Ecco, dopo quest’introduzione vi dico che ogni tanto capita che le stelle si allineino, che il cosmo ci voglia particolarmente bene, e che succedano cose bellissime come questa: Eleonora e Angelo di Cemento saranno proprio qui in libreria giovedì 7 aprile dalle 18.30 per fare quattro chiacchiere sull’Est del mondo e bere qualcosa insieme. Un incontro informale con gli autori di Cemento per conoscersi, scambiare racconti di viaggio e condividere i dietro le quinte del podcast.

Potete decidere di perdervelo e fare altro, liberissimi. Ma sarebbe una pessima decisione.

È con gioia, trepidazione e un forte batticuore che a tre giorni dalla primavera annuncio l’inizio della stagione degli eventi con I VERSI DELL’ORNITORINCO, una rassegna di cinque incontri dedicati all’ignoto e magico mondo della poesia performativa.

Cinque venerdì dal 15 aprile al 27 maggio a cura dei Ripescati dalla Piena in collaborazione con Witberry, in cui potrete ascoltare, votare, giudicare, commentare, acclamare, insultare, applaudire i poeti e le potesse che si esibiranno sul palco. Due mesi per scoprire le infinite possibilità che ruotano intorno alla declamazione poetica: poesia e musica, poesia e hula hoop, rime improvvisate, scontri all’ultimo sangue a colpi di versi, vi aspetta una sorpresa ad ogni nuovo incontro.

Ad aprire la rassegna venerdì 15 aprile alle 19.00 ci saranno proprio loro, i curatori della rassegna, che si sfideranno sul palco come in un vero poetry slam. Che cos’è e come funziona lo scoprite qui.

Scommettiamo che vi piacerà tutto tantissimo?
Non per dire, ma mi ci gioco la libreria.


I Ripescati dalla piena sono un collettivo poetico di artisti nato a Firenze nel 2021
La compagnia nasce con l’obiettivo di diffondere e promuovere la poesia in tutte le sue forme, dalla letteratura alla spoken word, dal poetry slam al teatro.
I membri del collettivo, tutti e quattro poeti performativi, seguono ognuno con i propri progetti un percorso personale e artistico che li ha condotti attraverso anni di esperienza e di tournée in tutta Italia come poetry slammer, praticando la messa in voce e corpo della poesia contemporanea. Questo background comune rende il progetto Ripescati dalla piena un punto di confluenza di differenti vissuti umani e di fusione dei loro diversi stili artistici, a favore di un’iniziativa che mira alla valorizzazione del verso e della voce sul palcoscenico.