È passata una settimana dai nostri mini stati generali della cultura indipendente a Firenze, e ancora gli ingranaggi nella mia testa girano all’impazzata.

Le domande aperte sono tante, le questioni difficili, tante parole vengono spesso usate a sproposito, invece di essere studiate, soppesate. Il lavoro da fare è enorme e, probabilmente, alle condizioni date, la nostra generazione in questa città non avrà mai vita facile. Troppo spesso i propositi di partenza sono ottimi, ma vengono logorati in breve tempo dal cinismo e dallo sconforto per la mancanza di ascolto, di soldi, di risultati.

C’è un però.

Il 4 ottobre qui c’è stata una ventata di calore e di energia che non mi aspettavo. Siete stati tanti, eravate interessati, attenti, molti entusiasti, e come ha detto bene Sofia: sono queste occasioni che ti ricordano perché hai deciso di dedicarti a questo lavoro così dolce ed estenuante allo stesso tempo, in cui senti che, ancora una volta, puoi lanciare il cuore dietro l’ostacolo perché non sei solo.

Cambieremo questa città domani, o l’anno prossimo? No.
Tutt’a un tratto pioveranno finanziamenti dal cielo? Certo che no.

Ma ognuno di noi, adesso, ha dei numeri in più nella propria rubrica. E magari, per realizzare il prossimo progetto, qualche testa e qualche cuore in più a cui chiedere una mano, quando chi dovrebbe dartela non lo fa.

Si parte anche solo così.
Poi chissà, quante cose possono succedere.

Grazie a LLaika Collettivo, che presentandosi ci ha dato l’occasione di ri-conoscerci, e grazie ad ARTigliera, Lumen Firenze, Street Levels Gallery, Three Faces Publish | C4 Firenze, Alice Storyteller e Lungarno, per esserci stati e per provarci ancora, nonostante tutto.

Atensciòn pliz, si inaugura una nuova collaborazione!

Per i partecipanti al gruppo di lettura GLI ORNITORINCHI LEGGONO, su tutta la rassegna La democrazia del corpo ottobre-dicembre 2022 del Centro Nazionale di Produzione della Danza Virgilio Sieni, è riservata una promozione speciale con biglietto ridotto a 5 euro, in vendita la sera dello spettacolo.

Per prenotare scrivere a biglietteria@virgiliosieni.it con oggetto PROMOZIONE SPECIALE o chiamare al 055 2280525 / Whatsapp al 3312922600.

Gli spettacoli si svolgono presso CANGO Cantieri Culturali Goldonetta in Via Santa Maria 25, Firenze, e cliccando qui trovate tutto il programma.

 

Il prossimo spettacolo in cartellone è Manual Focus dell’artista internazionale Mette Ingvartsen, sabato 15 ottobre ore 19.00 e domenica 16 ottobre ore 16.00.

 

Autore: China Miéville (illustrazioni di Simone Pace; traduzione di Lucrezia Pei)
Editore: Moscabianca
Pagine: 64
Prezzo: 9,90€

A Londra i fuochi d’artificio del cinque novembre sono un ricordo lontano: sono apparse le ombre, e strane creature hanno cominciato a infestare le strade. Ma che fine ha fatto Jake? Sarà riuscito a mettersi in salvo, o sarà scomparso all’angolo di una strada?

In questo racconto, il maestro del weird China Miéville ci affida una lettera perduta nel corso di un’oscura apocalisse, tracciata durante un girovagare onirico per le vie di Londra. Simone Pace con le sue tavole riesce a ricreare le fluttuazioni strane e volatili di questa storia, l’invisibile che prende forma, i contrasti tra la realtà e il sogno.


China Miéville è nato a Norwich, in Inghilterra, nel 1972. Scrittore di riferimento nel panorama weird internazionale, è autore di numerosi romanzi e racconti. I suoi lavori hanno vinto vari premi, tra cui l’Arthur C. Clarke Award, il World Fantasy Award, l’Hugo Award e il British Science Fiction Award. In Italia è edito da Fanucci Editore e Zona 42.

Simone Pace è nato nel 1992 a Rieti, dove vive, lavora e trae ispirazione. Ha fatto parte del collettivo Sciame e pubblicato la rivista «Armata Spaghetto», per lui prima possibilità di affinare una poetica basata sul folklore italiano e sul racconto fantastico di stampo fiabesco e medievale. Ha lavorato come illustratore per Centauria, Perrone Editore, Moscabianca Edizioni e Vivida Books, come fumettista per Barta Edizioni, Il Battello a Vapore, «Linus» e «Il Manifesto». Attualmente sta pubblicando a episodi il fumetto Fiaba di cenere per la piattaforma Tacotoon.

Lucrezia Pei, classe 1991, è nata nella città che ha ispirato C.S. Lewis. Traduce dall’inglese e dal francese, collabora con alcune realtà indipendenti ed è autrice di testi brevi di genere fantastico. Per Giuntina ha tradotto Le cose che ci fanno paura (2022), romanzo per ragazzi di Keren David, autrice finalista al Premio Andersen 2021. Attualmente traduce per Cliquot e Moscabianca Edizioni, per cui ha già curato la traduzione del volume illustrato La faglia delle fate dellʼartista olandese Iris Compiet.

Autrice: Axa Lydia Vallotto (illustrazioni di Zeno Colangelo)
Editore: Moscabianca
Pagine: 144
Prezzo: 9,90€

Starshot non pensava che un colpo così semplice avrebbe condotto lei e i suoi due compagni di fronte a un pezzo grosso delle corporazioni. Volkov affida loro la missione di recuperare dalle grinfie di un rivale politico non un oggetto di valore o del denaro ma sua nipote. Per Starshot è l’occasione di fare i conti con le proprie debolezze, il passato che ancora infesta il suo corpo e il desiderio di proteggere la sua strana famiglia.

Axa Lydia Vallotto, già autrice di romanzi e racconti sci-fi, crea una storia cyberpunk e queer, a metà tra un heist movie e un videogioco, che prende vita grazie alle illustrazioni sgargianti e irriverenti di Zeno Colangelo.


Axa Lydia Vallotto, classe ’96, dopo la laurea in Scienza dei Materiali si è iscritta al master Transfers-Fluids-Materials in Aeronautical and Space Applications. Infesta l’internet con il soprannome di Vy ormai da anni, durante i quali è arrivata finalista al Premio Urania Short 2019 e ha vinto due volte i Wattys. Ha pubblicato un romanzo, The Glitch (Delos Digital, 2021), e più di venti racconti tra cui Reboot in Le Ombre di Morjegrad (Mondadori, 2019), Babilonia nel cielo in Hortus Mirabilis. Storie di piante immaginarie (Moscabianca, 2021), Pareidolia su «Specularia» (2021) e Malinconia shakerata con ghiaccio in «Writers Magazine Italia n. 60» (Delos Digital, 2022).

Zeno Colangelo è nato a Torino nel 1994. Frequenta la Scuola Internazionale di Comics e si laurea in pittura all’Accademia di Belle Arti. Ha collaborato con Attaccapanni Press nel 2018 per l’antologia Grimorio Volume 2 con il racconto Beckup e nel 2019 per l’antologia Synth/Org con Fists of Love. Nel 2020 illustra parte del fumetto FASK – Come reagire al presente per Beccogiallo, e nel 2022 pubblica il libro edito da Tunué Lo Scorpione Addomesticato scritto da Luca Baino. Attualmente ha la fortuna di lavorare ad un videogioco basato sulle sue storie e disegni, Universe for Sale.

Autrice: Veronica De Simone (illustrazioni di Silvia Vanni)
Editore: Moscabianca
Pagine: 112
Prezzo: 9,90€

Weth e il suo compagno Vidar vivono in un villaggio di umani in grado di tramutarsi in lupi. Ma la ragazza si tiene isolata ai margini della società a cui appartengono: come la madre, Weth è una draugr, dotata di poteri temuti da chiunque, per questo si sente bloccata, assediata dagli incubi. Ma durante una battuta di caccia Vidar viene ferito e Weth non può più nascondersi: dovrà affrontare i propri ricordi, paure e speranze se vuole salvarlo.

Veronica De Simone e le illustrazioni di Silvia Vanni raccontano la mitologia norrena, le sue foreste mistiche, le sue sagge sciamane
e l’onnipotente albero della vita in una storia di ricerca che ci ricorda quanto essere parte della comunità ci aiuti a ritrovare chi siamo e cosa desideriamo davvero diventare.


Veronica De Simone è nata a Milano nel 1994. Nel 2013 ha cominciato a scrivere su efp e, in seguito, è migrata su Wattpad, dove continua a pubblicare col nickname di Himenoshirotsuki. Nel 2018 ha coordinato la realizzazione dell’antologia Oltre le nebbie del tempo il cui ricavato è stato interamente devoluto alla fondazione Telethon. Nel 2019 risulta tra le dieci vincitrici del concorso letterario “Guerriere”, indetto dalla casa editrice Le Mezzelane. Nello stesso anno, risulta vincitrice nella categoria “Fantasia” dei Wattys. Nel 2020 firma il racconto Fanghiglia nella raccolta di PRISMA vol. 2 di Moscabianca edizioni. Nel 2021 è tra i tre finalisti del premio “Urania short”, indetto da Mondadori, con Anima Neurale.

Silvia Vanni è nata a Castelnuovo di Garfagnana nel 1989. Da sempre appassionata di fumetto, studia fumetto e colorazione digitale alla Scuola Internazionale di Comics di Firenze. Nel 2013 vince il Project contest di Lucca Comics and Games, che la porterà a pubblicare con Edizioni BD La città dei cuori innocenti. Nel 2016 esce Salomè, edito da Kleiner Flug e sceneggiato da Emilia Cinzia Perri, nel quale realizza i disegni. Nel 2019 pubblica con BAO Publishing la sua prima storia a fumetti da autrice unica, Ramo. Nel mentre lavora come illustratrice e fumettista freelance collaborando con diverse realtà indipendenti sia in Italia che all’estero.

Il 19 settembre si è tenuto il primo incontro di GOL – GLI ORNITORINCHI LEGGONO, il gruppo di lettura di Orny. I compiti per casa erano di consigliare due libri, che poi sarebbero stati votati dal gruppo stesso. Il primo doveva essere un libro qualsiasi (quello che leggeremo da qui fino al 17 ottobre, per parlarne insieme al prossimo incontro), mentre il secondo doveva essere un classico (quello che leggeremo dal 17 ottobre, per poi parlarne insieme il 21 novembre).

Visto che il voto è stato difficile e la lista molto interessante, abbiamo pensato di condividerla con tutti, se mai qualcuno volesse approfittarne e trarne spunto per le sue letture successive.

Proposte per un libro qualsiasi:

La nave morta (B. Traven)
Bestiario sentimentale (G. Nettel)
Guida il tuo carro sulle ossa dei morti (O. Tokarczuk)
Animale (L. Taddeo)
Il taglio del bosco (C. Cassola)
Qui (R. McGuire)
L’eterna gioventù (M. Maggiani)
Il libro del buio (T. B. Jelloun)
Il vangelo secondo Gesù Cristo (J. Saramago)
Cosa faresti se (G. Romagnoli)
La matematica è politica (C. Valerio)
Uomini senza donne (H. Murakami)
Tremila anni tra i microbi (M. Twain)
Uova (T. Hitonari)
L’estate che sciolse ogni cosa (T. McDaniel)
Domani nella battaglia pensa a me (J. Marìas)
Lessico famigliare (N. Ginzburg)
Lungo petalo di mare (I. Allende)
La tentazione (L. Lang)
Avere tutto (M. Missiroli)
Magnificat (S. Aggio)
Bianco è il colore del danno (F. Mannocchi)

Proposte per un classico:

La parete (M. Haushofer)
I fratelli Karamazov (F. Dostoevskij)
Maurice (E. Forster)
Rebecca, la prima moglie (D. du Maurier)
Madame Bovary (G. Flaubert)
Le intermittenze della morte (J. Saramago)
La via per l’Oxiana (R. Byron)
Gita al faro (V, Woolf)
Moby Dick (H. Melville)
Cecità (J. Saramago)
Alice nel Paese delle meraviglie (L. Carroll)
La montagna incantata (T. Mann)
Le città invisibili (I. Calvino)
Frankenstein (M. Shelley)
Orgoglio e pregiudizio (J. Austen)
Storia di un corpo (D. Pennac)
Un amore (D. Buzzati)
Sostiene Pereira (A. Tabucchi)
Il deserto dei tartari (D. Buzzati)
Il maestro e Margherita (M. Bulgakov)

Se volessero nascere dei micro-gruppi di lettura paralleli, vi ricordo che parliamo insieme di libri qui: https://t.me/gli_ornitorinchi_leggono

Ieri si è tenuto il primo incontro di GOL – Gli ornitorinchi leggono, il gruppo di lettura ufficiale di Orny, ed è stato molto più bello di quello che potessimo aspettarci. Sarebbe stato bello anche se fossimo stati solo in tre, figuriamoci la sorpresa e la gioia quando ci siamo ritrovati in ventidue. Ventidue persone che hanno parlato insieme di libri, che hanno voglia di leggere qualcosa insieme, di provarci almeno, di confrontarsi, senza pressioni o aspettative da rispettare ma per il semplice piacere di farlo.

Dopo il vaglio attento di tutti i libri proposti, e una votazione che la prossima volta promettiamo di fare anonima per non influenzare nessuno, il verdetto è giunto: il libro che leggeremo e su cui ci confronteremo il 17 ottobre è Bestiario sentimentale di Guadalupe Nettel (ed. La Nuova Frontiera, 2018; 128 pp.)

“Nei cinque racconti di Bestiario sentimentale la vita degli animali, governata dagli istinti e dalle leggi implacabili della natura, si fa specchio delle relazioni tra esseri umani. Così, osservando la silenziosa esistenza dei pesci combattenti, una donna si trova a fare i conti con la crudeltà che nasce in un rapporto di coppia agli sgoccioli. Una casa invasa dagli scarafaggi diventa teatro di una guerra tra specie in cui si rispecchiano i conflitti familiari. Una gatta e la sua cucciolata offrono l’occasione per riflettere sulla maternità, quando è desiderata e quando non lo è. Un fungo e una vipera svelano rispettivamente il misterioso legame che unisce due amanti e il dolore di una passione impossibile. Attraverso le storie dei loro animali, Guadalupe Nettel, racconta in maniera magistrale la vita di uomini e donne fragili, consumati da amori non corrisposti, colti nei momenti più importanti e delicati della vita in cui decisioni irrevocabili possono cambiare il corso di un’esistenza: mancarsi per un soffio, ritrovarsi o perdersi per sempre.”

Il 17 ottobre ci troveremo per parlarne, per poi iniziare a leggere il libro successivo, questa volta un classico, che ha lottato fino all’ultimo con Madame Bovary per spuntarla alla fine con un voto in più. Sarà lei, la divina, Virginia Woolf, con Gita al faro.

Last but not least, abbiamo pescato dal cappello coloniale in bambù le categorie che decreteranno i libri per i mesi a venire. Potete lamentarvi, gioire o puntare i piedi ma c’è poco da fare, la dea bendata ha parlato:

dal 21 novembre al 19 dicembre – una nuova uscita (anno 2022)
dal 19 dicembre al 16 gennaio – letteratura nordamericana
dal 16 gennaio al 20 febbraio – libro di racconti
dal 20 febbraio 20 marzo – libro di fantascienza
dal 20 marzo al 17 aprile – letteratura dall’Est Europa
dal 17 aprile al 22 maggio – letteratura italiana
dal 22 maggio al 19 giugno – graphic novel

Nota importante: se volete partecipare anche solo a distanza, c’è un gruppo telegram in cui scambiarci aggiornamenti, altri consigli di lettura e condividere gioie e dolori, lo trovate qui https://t.me/gli_ornitorinchi_leggono

 

That’s all folks, ci riaggiorniamo presto, grazie di cuore a chi ha partecipato e a chi parteciperà, e buona lettura a tutti!

Le Finali Nazionali Italiane di Poetry Slam sono il grande evento che conclude ogni anno il campionato di sfide poetiche organizzato dalla L.I.P.S. – Lega Italiana Poetry Slam, che vede salire sul palco centinaia di poetə da tutta Italia, tra lə quali soltanto 21 campionə ragionali sono riuscitə ad accedere alle ambite Finali Nazionali.
Sarà proprio durante le Finali 2022, organizzate quest’anno a Firenze dai Ripescati dalla Piena, che questə 21 campionə si sfideranno per decretare, di fronte ad una giuria popolare di spettatorə, chi sarà lə campione nazionale di Poetry Slam del 2022.

Da sempre amante, sostenitore e quanto più possibile diffusore di poesia, L’ornitorinco è partner del festival e, oltre ad ospitare alcuni degli eventi off (vedi: colazioni poetiche del 23 settembre e del 24 settembre), sarà presente con tutto il suo entusiasmo e con un’accurata selezione di libri per dilettare gli animi di poeti, poetesse, amanti di suddetti poeti e poetesse, avventori, avventrici, curiosi, curiose, e chiunque sarà lì per non perdersi l’evento più atteso dell’anno.

Giovedì 22 settembre  @La Limonaia di Villa Strozzi

⏱ Ore 19:00
🎸 Debora Petrina (live)

⏱ Ore 21:00
🎤 GRAN GALÀ DEL POETRY SLAM
Esibizione dellə 21 finalistə con estrazione e ripartizione nelle tre diverse semifinali

⏱ Ore 23:00
🎚️ EuroTUNZ (live)


Venerdì 23 settembre @The Stellar

⏱ Ore 19:45
🎤 PRIMA SEMIFINALE NAZIONALE

⏱ Ore 20:30
🎸 Interiezioni – Pierpaolo Capovilla & Paki Zennaro (live)

⏱ Ore 23:00
🎤 SECONDA SEMIFINALE NAZIONALE

Per la serata è previsto il pagamento di un biglietto d’ingresso >> prenota qui


Sabato 24 settembre @The Stellar

⏱ Ore 17:30
🎤 TERZA SEMIFINALE NAZIONALE

⏱ Ore 19:30
🎸 Roberto Angelini & Rodrigo D’Erasmo (live)

⏱ Ore 21:00
🎤 FINALISSIMA NAZIONALE

Per la serata è previsto il pagamento di un biglietto d’ingresso >> prenota qui

Orny gift card

Breaking news bellissima: sono arrivate le gift card, ora L’ornitorinco lo potete anche regalare!
Anzi, potete regalare una delle sue storie, che è ancora meglio.
Anzi-anzi, potete condividere questo articolo nella speranza di farvi regalare una delle sue storie, che è ancora-ancora meglio.

Noi, che il regalo sia per voi o che siate voi a farlo, promettiamo di prenderci cura di tutte queste storie e di chi verrà a sceglierle.

Nota molto bene: sulle gift card non c’è data di scadenza e l’importo lo scegliete voi, senza nessun minimo di spesa.

Sentiero Film Factory è il primo festival fiorentino per il settore dell’audiovisivo a unire in un unico evento, della durata di tre giorni, un programma di incontri industry, diversi workshop, un pitch per sceneggiature e una residenza artistica. Dedicato principalmente al cortometraggio, con l’obiettivo di valorizzare i giovani talenti e le produzioni indipendenti, mira a integrare nel circuito fiorentino e toscano un servizio di promozione e valorizzazione del territorio tramite il talento degli autori e l’ospitalità di realtà cinematografiche internazionali.

Come ogni anno Sentiero Film Factory organizza incontri e panel per addetti ai lavori del settore audiovisivo, ma lo fa sempre aprendo al pubblico, e quest’anno sarà L’ornitorinco la location che ospiterà la sezione Sentiero Industry! Questo il programma di tutti gli eventi che si terranno qui da noi:

Giovedì 15 settembre 2022
h. 16:00 SENTIERO REMIX CULTURE
-Focus Residenza Artistica 2021 di Margarita Bareikyte
-Proiezione e premiazione della sezione #remixculturebalticsway una sezione speciale dedicata ad autori e registi provenienti dall’area Baltica.
Pension Day di Liis Lepik ’25
Kodekss di Ruslans Fadejevs ’12
The first Sunday after the first full moon di Greta Griniūtė ’15

Venerdì 16 settembre 2022
h. 10:00 SENTIERO MORNING
-Colazione e presentazione della nuova collaborazione tra Sentiero Film Lab e il Festival Entre Dos Mundos per il progetto Residenza Artistica e scambio culturale 2023 #sentierofilmlabextended

Sabato 17 Settembre 2022
h. 10:30 SENTIERO MORNING
-Colazione con Toscana Film Commission e Umbria Film Commission
Relatore: Francesco Lattarulo (produttore cinematografico)
Ospiti: Alberto Pasquale (Direttore Umbria Film Commission)
Ospiti: Stefania Ippoliti (Direttrice di Toscana Film Commission)
Ospiti: Camilla Toschi (Responsabile Cinema la Compagnia)
h. 12:30 SENTIERO CONNECTION
-Case Study del progetto residenza artistica Ustories (Umbria) con Marco del Buono.

Mentre qui trovate il programma completo con tutti-tutti gli eventi

Il progetto SENTIERO FILM FACTORY 2022 è stato cofinanziato dall’Unione Europea – Fondo Sociale Europeo, nell’ambito del Programma Operativo Città Metropolitane 2014-2020” ed è in programmazione dentro il calendario di Estate Fiorentina 2022